Il picco dei minerali

La questione del “picco del petrolio” è piombata con prepotenza nell’orizzonte dei media, spinta all’attenzione del pubblico dai vertiginosi aumenti dei prezzi. Come per tutte le cose nuove, se ne parla spesso con leggerezza e con scarsa competenza. Oppure, la teoria e l’evidenza storica che stanno dietro al concetto di “picco di produzione” sono cose che non possono
più essere nascoste sotto il tappeto con qualche frase di circostanza.

Per leggere o scaricare l’articolo completo clicca qui: PiccoMinerali

Evoluzione naturale e sociale

L’evoluzione di un ecosistema è caratterizzata da un aumento del suo livello di organizzazione, associato all’emergenza di comportamenti coerenti che creano dei meccanismi in grado di contrapporsi al depauperamento delle risorse naturali. Entrambi concetti di crescita e sviluppo possono essere studiati nell’ambito della termodinamica dei sistemi in condizioni di non equilibrio.

Per leggere o scaricare l’articolo completo clicca qui: Evoluzione

I prossimi 20 anni

In questo contributo si presentano le attuali conoscenze scientifiche in materia di cambiamenti climatici globali e vengono riassunti
i punti fermi su entità del riscaldamento già realizzato, sulla sua attribuzione ai gas-serra antropogenici, sulla certezza di un ulteriore
riscaldamento futuro. Vengono inoltre evidenziati alcuni risultati di ricerca apparsi dopo la chiusura del rapporto IPCC 2007.

Per leggere o scaricare l’articolo completo clicca qui: Prox20Anni

Produzione di merci a mezzi di natura

La produzione delle merci impoverisce le riserve di risorse naturali e ne peggiora la qualità attraverso l‘immissione di rifiuti.
Il peggioramento della natura può essere attenuato soltanto diminuendo la massa dei materiali coinvolti nel ciclo
natura-merci-natura. È questa la conclusione delle molte proposte di porre dei limiti alla crescita, basate sull’analogia
con quanto accade nelle popolazioni animali che vivono in un territorio con risorse limitate.

Per leggere o scaricare l’articolo completo clicca qui: ProduzioneMerci

Il pianeta terra e le sue risorse

Tutte le azioni umane sono soggette alla ferrea legge del secondo principio della termodinamica, o legge dell’entropia, la quale afferma che tutta l’energia si trasforma             inesorabilmente da una forma utilizzabile ad una non utilizzabile. In base a questa legge l’attività umana (anche quando crea ordine e organizzazione) produce inevitabilmente            disordine, inquinamento e, in ultima analisi, deteriora l’ambiente circostante. L’uso corretto di questa legge determina la qualità delle nostre vite o la distruzione della terra.

Per leggere o scaricare l’articolo completo clicca qui: PianetaTerra

Collasso globale

Jorgen Randers, della Norwegian School of Management, è uno degli estensori del famoso libro “I limiti dello sviluppo”, conosciuto in Italia attraverso le edizioni di Mondadori. La domanda che si pone Randers è la seguente: «È possibile che la lenta risposta collettiva alla crisi climatica emergente possa produrre un “collasso globale” – cioè, una situazione nella quale la società nel suo complesso prima supera la velocità sostenibile di emissione dei gas serra, e
poi sperimenta un improvviso, indesiderato e inarrestabile declino nel benessere medio di centinaia di milioni dei suoi cittadini?».

Per leggere o scaricare l’articolo completo clicca qui: CollassoGlobale

Combustibili fossili

La domanda mondiale di energia aumenta sotto la spinta della crescita demografica e dello sviluppo economico. L’uso dell’energia secondo gli attuali modelli di crescita dell’economia potrebbe portare, a partire dal 2020, ad una significativa riduzione della disponibilità di petrolio di facile accesso e a una transizione accelerata al maggiore utilizzo di risorse non convenzionali, gas e carbone.

Per leggere o scaricare l’articolo completo clicca qui: CombustibiliFossili